Cerca

Mafia: Morvillo, pochi segnali positivi e zona grigia ancora corteggiata

Cronaca

Palermo, 23 mag. - (Adnkronos) - A distanza di 19 anni dalla strage di Capaci in cui persero la vita il giudice Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo e gli agenti della scorta "l'orizzonte e' sempre lo stesso e i segnali positivi non sono poi tanti, ad eccezione dei governi e delle assocaizioni antiracket". A denunciarlo e' il presidente del Tribunale di Termini Imerese Alfredo Morvillo, arrivando all'aula bunker del carcere Ucciardone di Palermo per partecipare alle manifestazioni in ricordo della strage di Capaci.

"La zona grigia esiste ancora ed e' corteggiata dalla societa' civile palermitana. Quest'area e i suoi sostenitori costituiscono la palla al piede. E' amaro - sottolinea Morvillo - rendersi conto che i sacrifici di Giovanni e Paolo sono stati pressoche' vani". Per il presidente del Tribunale di Termini Imerese, uomini delle istituzioni coinvolti nelle indagini antimafia dovrebbero "fare un passo indietro, perche' la vicinanza ad ambienti malavitosi lancia alla gente un solo messaggio: si puo' convivere con Cosa nostra. Questo produce un danno incalcolabile all'azione di contrasto e ci fa tornare indietro di tantissimi anni".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog