Cerca

Milano, Berlusconi: "No a zingaropoli islamica"

Politica

Roma, 23 mag. (Adnkronos/Ign) - "Dobbiamo andare tutti a votare, non vogliamo davvero consegnare la nostra Milano ad una sinistra autoritaria, inefficiente, clientelare. Dobbiamo votare per difendere i nostri interessi, i nostri diritti, la nostra libertà". Lo dice Silvio Berlusconi, in un videomessaggio sul sito del Pdl.

Milano "non può diventare, alla vigilia dell'Expo 2015 - insiste -, una città islamica, una zingaropoli di campi rom, una città assediata dagli stranieri e che dà a questi stranieri extracomunitari anche il diritto di voto nelle consultazioni municipali".

"Dobbiamo andare tutti a votare, per garantirci -aggiunge il leader del Pdl- una Milano, più bella, più ordinata, più sicura, che continui a crescere nella prosperità e nella modernità come ha fatto in questi anni con Albertini e la Moratti. Una città che vuole andare avanti e crescere non vorrà certo consegnarsi all'estrema sinistra, con il rischio di diventare una città disordinata, caotica, insicura".

"Non credo, davvero, che vogliamo un sindaco che sembra vada a prendere il caffè tutti i giorni con quelli dei centri sociali", afferma Berlusconi. ''Da persone concrete, pragmatiche, di buon senso quali siete -aggiunge il leader del Pdl- dovete quindi scegliere tra quello che ha fatto e si impegna a fare la nostra amministrazione di centrodestra e il rischioso, rischioso programma della coalizione di sinistra, che gode dell'appoggio dei centri sociali e delle frange più estremiste della sinistra".

"Non credo che per noi milanesi sia una priorità vedere costruire una bella moschea nella nostra città; non credo che sia una priorità avere nuovi centri sociali spacciati per residenze artistiche e creative; non credo proprio che vogliamo rivedere le vie e le piazze di Milano riempite di bandiere rosse con la falce e il martello come si è verificato nei giorni scorsi; non credo infine che vorremo consegnare la nostra città a chi promette progetti irrealizzabili, a chi vorrebbe fare di Milano la Stalingrado d'Italia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog