Cerca

Milano: Bobo Craxi, proposte povere, non si e' parlato della citta'

Politica

Milano, 23 mag. (Adnkronos) - ''Moratti ha esperienza di governo della citta' e non solo. Pisapia ha una esperienza pe'olitica e questa e' la cifra che lo contraddistingue. Questo e' parte del cambiamento che sta per avvenire. L'idea, cioe', che alla guida di una grande citta' ci vada un politico e non un tecnico prestato alla politica. Da Milano sono sempre partiti i grandi cambiamenti''. Lo dice Bobo Craxi, ospite di 'Una domanda a...', sul sito Ign/Adnkronos.

''Il clima -osserva ancora- e' teso perche' c'e' confusione. In campagna elettorale, invece di parlare della citta' i candidati hanno parlato di problemi legati al governo, alle questioni giudiziarie e quindi la proposta per Milano e' risultata un po' povera, a discapito delle grandi opportunita' e responsabilita' che ha Milano, a cominciare dall'Expo su cui i ritardi si toccano con mano. Il voto risentira' sicuramente delle indecisioni e in questo momento le indecisioni sono soprattutto nel centrodestra, con difficolta' e liti. Il centrosinistra, tutto sommato, si trova nelle condizioni di vincere senza avere costruito. E' la vittoria classica di chi vince sostanzialmente perche' l'altro perde''.

Quanto al trasferimento di alcuni ministeri al Nord, Craxi li liquida come ''cose che non suscitano nemmeno un pallido entusiasmo nei cittadini''. ''Milano ha gia' grandi ministeri come la Regione e la Provincia. E' una forma di propaganda che mi ricorda il clientelismo della vecchia Dc'', conclude.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog