Cerca

Bologna: si fece annullare 45 multe, bomber Di Vaio indagato per falso

Cronaca

Bologna, 23 mag. - (Adnkronos) - Girava con il suo Porsche nuovo fiammante per la vietatissima ''T'', ossia le centralissime vie Rizzoli, via Ugo Bassi e via Indipendenza di Bologna, senza averne alcun diritto. E in effetti per questo gli erano state notificate poco piu' di 40 multe da circa 80 euro. Ma, per non pagare, l'attaccante del Bologna calcio, Marco Di Vaio, ha presentato un ricorso in prevenzione alla polizia municipale che gli ha annullato le contravvenzioni. Per ottenere l'annullamento, pero', il calciatore ha dichiarato il falso e per questo e' finito nei guai.

E' infatti indagato per falso ideologico e truffa continuata ai danni del Comune dalla Procura di Bologna che da tempo sta conducendo un'inchiesta sull'uso improprio dei pass per invalidi. Ad aiutarlo nella ''furbata'' e' stata la dipendente del Bologna calcio, Marilena Molinari, titolare di un regolare permesso per handicap. E quindi pure lei e' finita nei guai per la stessa ragione. Dagli accertamenti era gia' emerso in passato che la Molinari aveva legato alcune targhe di giocatori rossoblu' al suo pass per facilitare loro la libera circolazione nel cuore di Bologna. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog