Cerca

Veneto: presenza diossine nei pesci del Lago di Garda (2)

Cronaca

(Adnkronos) - L'Arpav ha gia' fornito i primi risultati: in tutti i campioni di acqua fino ad ora analizzati non si e' riscontrata presenza di diossine e furani al di sopra del limite di quantificazione. Per i Pcb, in assenza di una normativa sanitaria nazionale di riferimento, si puo' osservare che le concentrazioni finora misurate in acqua, variabili tra 0,431 e 0,520 nanogrammi/litro, risultano molto al di sotto dei limiti previsti, per esempio, dalla normativa statunitense.

Per quanto attiene ai sedimenti le concentrazioni di diossine e Furani, variabili tra 0,12 e 6,31 nanogrammi/chilogrammo (espresse come I-TE, indice di tossicita' equivalente) risultano paragonabili a quelle riscontrate in ambienti lacustri non soggetti a pressioni antropiche connesse con scarichi di attivita' industriali.

Le concentrazioni di Pcb risultano variabili tra 1,9 e 20,2 nanogrammi/chilogrammo; per confronto, in mancanza di riferimenti nazionali, si precisa che i valori risultano inferiori al limite piu' cautelativo della normativa canadese. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog