Cerca

Pdl: scontro in Alto Adige, dopo 'strappo' Biancofiore altri pronti a seguirla (3)

Politica

(Adnkronos) - Alla domanda se, alla fine della corsa del movimento di Micaela Biancofiore ci sia davvero il partito di Micciche', Vezzali chiarisce: ''Non si tratta di una esemplificazione mediatica. Se non verremo ascoltati, l'obiettivo sara' la costituzione di una formazione che tenga conto delle esigenze territoriali. Non ce la sentiamo di restare in un partito che decide tutto al centro. Non pretendiamo di porre veti, ma di essere almeno consultati''.

Si tiene fuori un po' fuori dalla polemica Alessandro Urzi', consigliere regionale eletto nella Lista berlusconiana e poi uscito con il Fnl al seguito di Fini: ''Sono cose che non mi riguardano; registro solo che, da un po' di tempo, decisioni calate da Roma non tengono conto della sensibilita' della base locale e stanno creano disorientamento, che indirizzano verso spinte disintegrative non soltanto della nomenclatura, ma dello stesso popolo elettorale''.

Qualche anno fa An in Alto Adige ottenne 4 consiglieri regionali, ma subi' quasi subito la secessione della corrente che costitui' Unitalia. Poi, il successo del PdL (3 consiglieri regionali) che sta subendo le attuali falcidie.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog