Cerca

Pdl: scontro in Alto Adige, dopo 'strappo' Biancofiore altri pronti a seguirla (2)

Politica

(Adnkronos) - "Nel PdL - dice Sigismondi - il 70% della base e' con noi. E non e' vero che nel partito di Berlusconi, come dice la Biancofiore, si sia trasferita la litigiosita' delle frange di An, che ha conosciuto forme di litigiosita' solo da quando con noi ha candidato Alessandro Urzi', sponsorizzato dalla Biancofiore''.

Sigismondi poi non risparmia una 'frecciatina': ''Potra' sempre andare a candidarsi a Napoli, come e' avvenuto nelle ultime politiche; oppure, le si potra' creare una sorta di ambasciata da qualche parte, pur di tenerla lontana da noi - afferma - In ogni caso non credo usciranno dal partito: si tratta di minacce finalizzate solo ad ottenere maggior spazio in un ambito che li ha emarginati. Ma si rendono conto che, se uscissero, non avrebbero alcun futuro''.

Caustica la replica del consigliere regionale Maurizio Vezzali: ''In minoranza sono loro, che contano 7-8 consiglieri comunali nel capoluogo, ma nessun altro rappresentante in periferia. Se ne accorgeranno dopo il 30 maggio. Holzmann ha minacciato una riforma della legge elettorale per escludere le piccole formazioni politiche, ma se accadra' la legge danneggera' loro, ridotti ormai al lumicino''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog