Cerca

Roma: Giro (Pdl), tavolo interistituzionale su marina Civitavecchia (2)

Cronaca

(Adnkronos) - "Mi spiace per i tanti consiglieri comunali che in questi giorni hanno animato un loro dibattito interno fra di loro e talvolta contro di me ma in questa storia la politica non c'entra un bel nulla - continua Giro - Quanto alle comunicazioni della Regione Lazio esse non risolvono affatto il nodo della mancata autorizzazione paesaggistica ma si limitano ad esprimere un parere sulla realizzazione del progetto e sulla presenza di alcuni volumi (locali) definiti dal direttore regionale 'tecnici' ma senza che cio' sia stato mai avvalorato e certificato da alcuna carta che non spetta alla Regione produrre o commentare".

"Ecco la storia pura e semplice - aggiunge Giro - Di politico o meglio di politichese non c'e' assolutamente nulla se non le molte sciocche e arzigogolate illazioni che leggo sui giornali e che personalmente mi fanno cadere le braccia e suscitano in me un certo allarme per l'avvenire di Civitavecchia. Ora come stanno le cose e quali possano essere le vie d'uscita l'ho gia' pubblicamente detto nella mia nota dichiarazione del 5 maggio, citatissima da tutti ma solo a meta' o a pezzi".

"Per il Codice dei beni culturali, che e' legge dello Stato dal 2004 - sottolinea Giro - gli abusi di natura paesaggistica non sono mai sanabili e la presenza di volumi, al di la' della loro incerta destinazione d'uso (negozi o locali tecnici?) inevitabilmente non fa rientrare il caso di Civitavecchia fra le fattispecie previste da un protocollo sottoscritto dalla Regione Lazio e il Ministero dei beni culturali, dove sono appunto elencati i casi nei quali e' possibile promuovere una istanza di accertamento di compatibilita' paesaggistica che e' l'unico strumento previsto dal Codice per sanare l'abuso". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog