Cerca

Libia: stupro come arma di guerra, denuncia di una psicologa libica alla Cnn

Esteri

Bengasi, 24 mag. (Adnkronos) - Nuove denunce di stupri usati come arma di guerra dagli uomini di Muhammar Gheddafi: a rilanciarle e' la CNN, in un'intervista ad una psicologa libica che ha raccolto le testimonianze di diverse vittime di queste violenze e che e' in possesso di immagini che testimonierebbero di questi abusi.

Siham Sergewa ha raccolto la prima denuncia dalla madre di una paziente che l'ha chiamata da Ajdabiya: "Piangeva e stava molto male e mi raccontava dello stupro. Mi disse che molte donne venivano violentate e che volevano chiamarmi". La Sergewa ha poi ricevuto telefonate da molte altre donne finche' ha deciso che doveva cercare di approfondire la questione.

E' partita per i campi profughi al confine tra Libia, Tunisia ed Egitto e con l'aiuto di un gruppo di volontari ha distribuito dei questionari per identificare persone bisognose di sostegno. Nel questionario compariva ogni tipo di domanda, dal nome e l'eta' alla quantita' di cibo di cui disponevano. Una delle ultime domande era se avessero subito violenza sessuale e ad opera di chi. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog