Cerca

Lazio: Nistico' (Ebri), entusiasmo Levi Montalcini per Piano Ricerca

Economia

Roma, 24 mag. - (Adnkronos)- "Grande interesse" ed "entusiasmo" per un progetto "che sosterra' un patrimonio di 'cervelli' italiani enorme". Cosi' il premio Nobel Rita Levi Montalcini guarda al primo Piano strategico triennale della Ricerca, dell'innovazione e del trasferimento tecnologico della Regione Lazio per il periodo 2011-2013, presentato questa mattina a Roma dal governatore Renata Polverini. "L'attenzione della professoressa Montalcini e' davvero grande per questo Piano che sosterra' molti scienziati e progetti di ricerca e innovazione" afferma all'ADNKRONOS Giuseppe Nistico', Commissario straordinario dell'Ebri, l'European Brain Research Institute fondato dalla scienziata italiana.

"Ho portato alla Polverini l'interesse espresso da Rita Levi Montalcini al piano per la ricerca e l'innovazione" spiega Nistico'. "Mi aguro che la governatrice del Lazio -aggiunge il commissario straordinario dell'Ebri- sostenga il rinnovo dell'accordo triennale per il Polo delle Neuroscienze per la lotta alle malattie neurodegenerative, come il Parkinson's, l'Alzheimer e la Sla, un polo che consentira' di potenziare la ricerca e vincere la guerra contro queste patologie gravissime". Nistico', infine, sollecita la "valorizzazione del patrimonio di scoperte della Montalcini, prima fra tutte l'Ngf che l'ha portata sul podio di Stoccolma".

"Questa valorizzazione puo' avvenire proprio -dice Nistico'- con questo spin-off da realizzare fra Ebri, Cnr, Istituto Superiore di Sanita' e, speriamo, Regione Lazio. Uno spin-off per la produzione di prodotti biotecnologici e di cellule staminali neuronali per la riparazione dei tessuti nervosi come nelle paraplegie". "Chiediamo, infine, che la proprieta' intellettuale della Montalcini resti all'Ebri, in Italia" conclude Nistico' che riferisce di un accordo con un istituto di ricerca cinese per un valore pari ad "un milione di euro per i prossimi tre anni. Un progetto che vedra' l'istituto cinese sviluppare ricerca basata sull'Ngf, mentre le applicazioni derivanti vogliamo mantenerle in Italia".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog