Cerca

Allarme in Germania per un batterio killer: primi morti e centinaia di casi sospetti

Esteri

Roma, 24 mag. - (Adnkronos Salute) - Allarme in Germania per un batterio killer. Almeno una persona e' morta dopo aver contratto un'infezione da E.coli: una donna di 83 anni, mentre sarebbero oltre 400 i casi - sospetti o confermati - di infezione, come riferisce il quotidiano tedesco 'Der Spiegel'. Il focolaio dell'epidemia che preoccupa operatori sanitari e cittadini (la cui causa e' ancora ignota), e' concentrato nel nord del Paese.

Il ministero della Salute ha confermato che una donna di 83 anni e' morta dopo essere stata infettata da E.coli. La paziente era stata ricoverata in ospedale il 15 maggio, e i test condotti dai sanitari hanno confermato l'infezione. Nel frattempo le autorita' di Brema hanno riferito il decesso di una giovane donna con i sintomi di infezione da E.coli, ma la diagnosi non e' ancora confermata dagli esami di laboratorio.

Per una terza donna, morta domenica dopo essere stata infettata da E.coli, la causa del decesso non e' ancora chiara. L'epidemia e' iniziata nella seconda settimana di maggio. Oggi le autorita' tedesche parlano di oltre 400 casi confermati o sospetti, di cui una quarantina molto gravi.

Circa 1.000 persone vengono infettate dall'agente patogeno ogni anno in Germania, ma gli esperti evidenziano come il tasso di infezione in corso sia insolitamente elevato. "La tendenza attuale supera qualsiasi confronto", spiega Werner Solbach, microbiologo dell'University Hospital Schleswig-Holstein di Kiel. Secondo Solbach, prove di laboratorio hanno dimostrato che l'attuale epidemia e' dovuta a un ceppo batterico parzialmente resistente agli antibiotici. Si ipotizza, inoltre, che i pazienti abbiano contratto l'infezione mangiando verdura non lavata.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog