Cerca

Sanita': Idv, interrogazione su tagli salariali a dipendenti clinica Columbus

Cronaca

Roma, 24 mag. - (Adnkronos) - ''Nella sanita' dell'era Polverini, a fare le spese dei ritardi di pagamento della Regione Lazio possono essere purtroppo anche i semplici dipendenti delle strutture, non a caso di quelle meno potenti e meno protette. E' il caso dei lavoratori della Casa di Cura Columbus, clinica afferente al Policlinico Gemelli: ovvero un operatore che, in base agli accordi con la Regione, avrebbe persino diritto un'integrazione della remunerazione delle prestazioni del 2010''. Lo dichiarano in una nota i consiglieri regionali di Italia dei Valori del Lazio Vincenzo Maruccio e Giulia Rodano.

''Nei giorni scorsi infatti - dichiarano Maruccio e Rodano - data la situazione negativa in cui verserebbero i bilanci, il direttore amministrativo del Complesso Integrato Columbus avrebbe annunciato che sarebbe sua intenzione congelare alcune quote salariali dei dipendenti della struttura, dal 5 al 25 % a seconda dell'inquadramento aziendale: tali somme verrebbero pero' restituite dopo 3 o 6 mesi quando la Columbus avra' incassato le rimesse dalla regione. La decisione verrebbe assunta senza nessuna dichiarazione di stato di crisi e senza apertura di alcun tavolo di concertazione con le organizzazioni sindacali''.

''Abbiamo dunque presentato un'interrogazione urgente - annunciano i consiglieri dell'Idv - per conoscere i motivi per i quali, qualora la suddetta situazione corrisponda al vero, nonostante l'accordo integrativo sui tetti di spesa stilato e recepito nel luglio scorso col Policlinico Universitario 'A. Gemelli' debbano essere proprio i dipendenti del Complesso Integrato Columbus a dover pagare di tasca propria le eventuali implicazioni derivanti da ritardi nelle rimesse regionali al Gemelli''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog