Cerca

Universita': Vendola, in corso regressione in termini di selezione classista

Cronaca

Bari, 24 mag. (Adnkronos) - ''Oggi e' in corso una regressione della nostra scuola e della nostra Universita' in termini di selezione classista perche' quando in una famiglia, con un unico stipendio e con condizioni di disagio economico, i livelli superiori di istruzione sono interdetti a causa delle tante barriere sociali, vuol dire che siamo in un moderno ottocento che si affaccia nella vita delle famiglie''. Lo ha detto il presidente della Regione Puglia Nichi Vendola, intervenendo oggi a Bari alla conferenza regionale di programmazione sul diritto allo studio dell'istruzione universitaria insieme con l'assessore competente Alba Sasso.

''Progressivamente si e' perso completamente il senso di cosa sia il diritto allo studio - ha continuato Vendola - oggi e' un'attivita' acrobatica di sopravvivenza soprattutto per gli studenti delle aree meno avvantaggiate, per gli studenti appartenenti agli strati sociali piu' svantaggiati della nostra popolazione. Il diritto allo studio e' un arrampicarsi sugli specchi in una condizione per la quale gli apparati formativi sono sempre piu' impermeabili alla domanda di istruzione dei ceti popolari. Viviamo in un clima che scientificamente delegittima la cultura e gli apparati della formazione''.

''Si e' insinuata - ha proseguito - l'idea che il titolo di laurea diventa sempre piu' irrilevante nel suo peso sociale. E quando i titoli di laurea diventano irrilevanti, trainano agevolmente quella sorta di pregiudizio nei confronti della cultura, la cultura cioe' non e' la benzina nel motore della societa'. Questo pregiudizio si trasforma in una specie di ritirata strategica del pubblico rispetto ai propri doveri nei confronti della promozione del diritto allo studio. La condizione diventa quindi drammatica''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog