Cerca

Cinema: Bini, normale per Consiglio Toscana modificare testi di legge (2)

Spettacolo

(Adnkronos) - Marco Manneschi (Idv) ha definito ''difficile'' la situazione in aula, dato che ''un testo elaborato dalla Giunta non e' stato rettificato, come di norma avviene in assemblea, ma oggettivamente ribaltato''. Il consigliere ha richiamato come ''punto centrale l'indicatore che ripristinava la distanza tra multisala'', a suo tempo rimosso, ha detto ''per consentire l'apertura del Multiplex a Prato''.

''Fu un errore - ha aggiunto - commesso in nome della ideologia della liberalizzazione''. Manneschi ha spiegato che il suo gruppo non ha firmato l'ordine del giorno presentato dalla maggioranza: perche' con la legge al voto, ''se accanto a una monosala, magari appena ristrutturata, arriva una struttura di tre sale con 2000 posti, come nel caso del Veriety a Firenze, e' chiaro che questa chiude''. Insomma, il criterio delle distanze serve a ''consentire che le strutture nascano per non morire subito''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog