Cerca

Foggia: festa patronale a Roseto, dopo processione lancio pane e formaggio (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Nel 1623 l'arciprete De Santis porto' a Roseto il culto di San Filippo Neri, diventato poi il patrono del paese. Nella sua abitazione, trasformata in oratorio, si conserva un prezioso busto d'argento del santo. Fiorentino d'origine, San Filippo Neri si trasferi' a Roma quando era ancora molto giovane. Nella citta' eterna ricevette l'appellativo di 'secondo apostolo di Roma' per la determinazione con cui cercava di riportare sulla retta via una citta' sempre piu' corrotta e allo sbando.

Fu ribattezzato dai fedeli come il 'Santo della gioia', grazie alla straordinaria capacita' dimostrata nel coinvolgere i giovani, ragazze e ragazzi di strada con cui pregava e cantava. Restano memorabili alcuni suoi detti sarcastici, quali ad esempio lo 'State buoni se potete', titolo di un omonimo film sulla sua vita, o il 'Ma va' a mori' ammazzato...per la fede' che gli valsero anche l'appellativo di 'buffone di Dio'.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog