Cerca

Tangenti: gip Milano, Sala sindaco di Cassano d'Adda solo per arricchimento personale

Cronaca

Milano, 25 mag. - (Adnkronos) - Edoardo Sala, ex sindaco di Cassano d'Adda finito stamattina in manette, ha assunto la carica pubblica ''al solo scopo di arricchimento personale, senza alcuna sensibilita' verso le responsabilita' e i doveri connessi alla carica di primo cittadino''. E' quanto scrive il gip di Milano, Gaetano Brusa nella richiesta di custodia cautelare. A finire in manette anche Paolo Casati, consigliere comunale e Alessandro Casati, all'epoca assessore pro-tempore ai Lavori pubblici. Ai domiciliari sono finiti invece il commercialista Pierluigi Amati, cugino del sindaco Sala e l'architetto Michele Ugliola.

I 5 sono accusati di corruzione e concussione per una serie di presunte tangenti che avrebbero incassato per alcune modifiche al piano regolatore comunale. Per il gip i fatti contestati ''sono espressione di un modus operandi dell'ex sindaco che disvela l'intento di gestire la cosa pubblica al di fuori dei principi di lealta', imparzialita' e correttezza che unici dovrebbero qualificare il suo operato, viceversa asservito a fini privati propri o di terzi''. Per il giudice questi fatti manifestano ''il disprezzo dell'indagato verso la legalita'''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog