Cerca

Firenze: Lega Nord, solidarieta' ai profughi somali eritrei ed etiopi

Cronaca

Firenze, 25 mag. -?(Adnkronos) - ''Esprimo solidarieta' ai rifugiati somali, eritrei ed etiopi che sono scappati dalla guerra e che, a differenza dei tunisini, non hanno avuto la sistemazione abitativa adeguata promessa. Queste persone, infatti, a differenza dei tunisini, sono state costrette ad allestire una tendopoli nei pressi della Fortezza da Basso''. E' il commento di Antonio Gambetta Vianna, leader della Lega Nord Toscana in Regione, in seguito ai tafferugli tra i profughi e la Polizia Municipale a Firenze.

''Come al solito la sinistra non si smentisce mai. Fa tante promesse e poi non le mantiene. A queste persone fuggite da una guerra - continua il capogruppo del Carroccio - era stata promessa una sistemazione, ma si sono viste scavalcare dai tunisini, che certamente non sono dei profughi. La Lega Nord e' contraria all'immigrazione clandestina, ma e' aperta all'accoglienza dei profughi. Non e' possibile che in un Paese civile come il nostro, e soprattutto nella tanto decantata Toscana umanitaria ed accogliente, intere famiglie, con anche bambini in tenera eta', che scappano da una guerra siano costrette a vivere nelle tende, mentre a chi approfitta dei conflitti altrui per migrare da noi viene dato vitto e alloggio''.

''La politica di Rossi e della sinistra - prosegue l'esponente leghista - e' tutta questa: il migrante, soprattutto colui che ha vere necessita', viene accolto per poi essere abbandonato a se' stesso. Se il Comune di Firenze non riesce a trovare una soluzione per i profughi di guerra, deve essere la Regione ed Enrico Rossi a farlo, smettendola di nascondersi dietro la propria demagogia. Condanno, infine - conclude Gambetta Vianna -, qualsiasi atto di violenza, soprattutto gli scontri che si sono tenuti al momento del tentativo di sgombero''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog