Cerca

Tangenti: accusa, a Cassano d'Adda 3 mln euro tra gia' versati e promessi

Cronaca

Milano, 25 mag. (Adnkronos) - Ammontano a oltre 3 milioni di euro le presunte tangenti, per alcuni appalti, che questa mattina hanno portato in carcere l'ex sindaco di Cassano d'Adda Edoardo Sala e altre quattro persone. Le mazzette versate secondo l'accusa ammontano a un milione di euro di cui 500mila euro versati in piu' tranches e in contanti, inoltre bisogna considerare anche la promessa di una dazione di 2 milioni di euro pari al 3% sul prezzo di vendita di ogni casa che sarebbe stata realizzata sull'area dell'ex linificio. A finire in manette oltre all'ex sindaco anche Paolo Casati, consigliere comunale e Alessandro Casati, all'epoca assessore pro-tempore ai Lavori pubblici. Ai domiciliari sono finiti invece il commercialista Pierluigi Amati, cugino del sindaco Sala e l'architetto Michele Ugliola.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog