Cerca

Mafia: Dia Palermo, comitato affaristico in combutta con sale giochi (2)

Cronaca

(Adnkronos) - Secondo quanto emerge dalle indagini, grazie alla complicita' dei suoi diretti superiori cioe' il direttore e il vicedirettore, oggi finiti in carcere, Polizzi avrebbe favorito alcuni proprietari di sale bingo e centri scommesse in cambio di denaro. Agli indagati non viene pero' contestata l'aggravante mafiosa, anche se non si esclude l'interesse di Cosa Nostra per il settore.

Come emerso dall'inchiesta coordinata dal procuratore aggiunto Antonio Ingroia e dal pm Sergio Demontis, i centri scommesse sono ''obiettivi altamente appetibili per Cosa Nostra perche' strumento ideale per operazioni di riciclaggio di denaro sporco proveniente dalle estorsioni e dal traffico di droga''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog