Cerca

Mafia: Dia Palermo, comitato affaristico in combutta con sale giochi (3)

Cronaca

(Adnkronos) - Dall'indagine, nata per caso dopo avere ascoltato nelle intercettazioni nell'ambito del sequestro di una sala Bingo, e' emerso che uno degli arrestati, Francesco Casarubea amministratore della sala Bingo 'Las Vegas' veniva informato anticipatamente da Giovanni Polizzi dei controlli che i Monopoli si apprestavano ad eseguire. Cosi' si e' scoperto che l'anomalia non era un caso isolato. Al contrario.

E' venuto fuori che anche in occasione di controlli, effettuati preso altre sale Bingo le verifiche 'a sorpresa', venivano preannuciate da Polizzi ai gestori o ai titolari. Questi comportamenti illeciti hanno consentito a Polizzi di instaurare con numerosi titolari e preposti alle sale "rapporti diretti e privilegiati per procurarsi un ingiusto profitto".

L'indagine ha cosi' consentito di ricostruire anomale movimentazioni di denaro a mezzo di carte di credito e conti correnti bancari. Polizzi era ritenuto "punto di riferimento da colleghi e superiori per la sua abilita' a intrattenere rapporti con vari titolari di sale Bingo ai quali era solito dispensare consigli e suggerimenti". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog