Cerca

Omicidio Scazzi: rapporto Ros, cella telefono Cosima Misseri agganciata in garage

Cronaca

Roma, 25 mag. - (Adnkronos) - Nell'inchiesta sull'omicidio di Sarah Scazzi i tecnici dei carabinieri del Ros hanno depositato in procura, a Taranto, un voluminoso rapporto con una mappatura dei cellulari dei protagonisti. E sono proprio i cellulari ad avere convinto gli investigatori a indagare su Cosima Serrano Misseri: cosi' scrive il settimanale Panorama, nel numero in edicola da domani, giovedi' 27 maggio. Secondo i tecnici, aggiunge Panorama, il telefono di Cosima Misseri alle 15.25 del 26 agosto 2010 si trovava in garage. Un luogo dove lei ha sempre negato di essere stata quel giorno e in quelle ore. Invece, per 40 secondi, il suo cellulare ha agganciato un'altra cella, quella del garage, che non e' stata mai captata nella veranda, nel cortile e nell'abitazione.

Il garage e' sotto il livello della strada e "prende" frequenze diverse. Sempre secondo Panorama, gli inquirenti sospettano ora che la ragazza sia stata uccisa in casa, e che il suo corpo sia stato portato in garage. E gli inquirenti sanno che c'e' un buco negli spostamenti di Cosima. Quel buco, rileva il settimanale, coincide proprio con il momento in cui, stando al responso delle analisi tecniche condotte sulle celle telefoniche, il cellulare dela zia di Sarah si trovava in garage.

Il giorno seguente, il 27 agosto 2010, dalle 10.26 alle 10.40, i telefonini di Cosima Serrano e sua figlia Sabrina Misseri si trovavano in un'area rurale compresa tra Avetrana (Taranto) e San Pancrazio Salentino, una zona compatibile sia con la contrada Mosca, dove poi fu trovato il cadavere di Sarah, sia con la zona dove c'e' l'albero di fico sotto il quale vennero rinvenuti i resti dei vestiti bruciati della vittima.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog