Cerca

Salute: studio Cattolica Campobasso, valutare rischi cuore a lungo termine (2)

Cronaca

(Adnkronos/Adnkronos Salute) - L'indagine condotta dalla Cattolica molisana, utilizzando stime di predizione del rischio cosiddetto 'lifetime' proposte recentemente da ricercatori americani, ha analizzato dati relativi a oltre 8 mila persone tra i 35 e i 50 anni di eta': per l'84% del campione studiato le probabilita' di andare incontro a un evento cardiovascolare nei 10 anni successivi risultavano, come previsto, molto basse (inferiori al 3%). Prolungando pero' il periodo di proiezione del rischio fino a considerare l'intera vita dei soggetti, il 78% delle donne e l'82% degli uomini che risultavano a basso rischio cardiovascolare nel breve tempo apparivano invece ad alto rischio, con una probabilita' superiore al 15% di sviluppare sul lungo termine un evento cardiovascolare.

"Utilizzando esclusivamente la predizione del rischio cardiovascolare a breve termine - spiega Augusto Di Castelnuovo, primo autore dello studio - la maggior parte delle donne e in generale i piu' giovani restano esclusi dalle strategie di prevenzione e controllo a causa dei valori molto bassi dell'indice di rischio a 10 anni. Ma in realta' la fetta di popolazione adulta a rischio 'lifetime' e' piu' ampia di quanto si possa pensare", avverte. "I nostri risultati suggeriscono l'opportunita' di affiancare la valutazione di rischio a breve termine, che resta ben valida, a quella che considera il rischio lungo il corso dell'intera vita, sulla scia di quanto in atto negli Stati Uniti gia' da qualche anno", commenta Licia Iacoviello, responsabile del progetto Moli-sani.

"Questi dati - sottolinea Giovanni de Gaetano, direttore dei laboratori di ricerca del Centro di largo Gemelli - confermano come il progetto Moli-sani rappresenti una strada innovativa verso l'evoluzione del concetto di prevenzione. Grazie alle informazioni raccolte, infatti, siamo in grado di ridisegnare la costellazione degli interventi necessari affinche' le malattie croniche siano sempre meno un problema di terapia e diventino sempre piu', con strategie piu' agguerrite di prevenzione, una questione di responsabilita' perso-nale e istituzionale". Il progetto Moli-sani e' partito nel marzo 2005 e fino a oggi ha coinvolto 25 mila residenti in Molise.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog