Cerca

Toscana: arsenico nell'acqua, i controlli saranno piu' serrati

Cronaca

Firenze, 25 mag. - (Adnkronos) - Garantire, ''definitivamente su tutto il territorio regionale'', il limite di presenza di sostanze inquinanti in acqua potabile previsto dalla normativa europea e nazionale (10 microgrammi/litro per l'arsenico, ma anche soglie per elementi quali il fluoro, il vanadio, il selenio). Questo il cuore della mozione presentata dai consiglieri del gruppo Pdl in Consiglio regionale Stefano Mugnai e Marco Taradash, che ha riscosso il voto unanime dell'aula del Consiglio regionale della Toscana.

Un testo nel quale si chiede anche un impegno da parte dell'esecutivo a prevedere entro sei mesi dei piani, concordati con i gestori del servizio idrico, per ''assicurare la salubrita', la pulizia e la qualita' delle acque potabili destinate al consumo umano'', per ''programmare controlli esterni, attraverso le Asl, e controlli interni, sotto la diretta responsabilita' dei gestori degli acquedotti, in modo da stabilire un doppio controllo sull'acqua''. Sul tema, l'assessore regionale all'Ambiente Anna Rita Bramerini ha assicurato che la Toscana ''e' impegnata in un monitoraggio stringente. La situazione e' sotto controllo mentre stiamo pensando a forme di accertamento piu' serrate''.

''Inoltre - ha continuato l'assessore - stiamo sensibilizzando i Comuni per avviare campagne di informazione e sensibilizzazione piu' efficaci''. Da Bramerini anche la garanzia a ''riportare in Consiglio i dati aggiornati'' su scala regionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog