Cerca

Cinema: Venezia, al via il Ca' Foscari Short Film festival (3)

Spettacolo

(Adnkronos) - Numerose sono oggi le scuole di cinema in piena attivita', registi prestigiosi o, comunque figure note per il loro impegno, sono l'anima di progetti innovativi, anche in aree geografiche ''periferiche''. La scuola tunisina, per esempio, e' incentrata sulla figura del cineasta Nouri Bouzid e propone alcuni corti girati nei giorni della ''primavera'' rivoluzionaria: Chaos di Zekri Achref, Signe' kalloutcha di Haythem Khemir, Confessions tunisiennes di Moncef Souissi. La primavera di resistenza araba, dunque, ora diventa cinema.

E poi ci sono altre scuole: la ''Satyajit Ray'' indiana, quella, attivissima, di Cuba, fondata 15 anni fa da Gabriel G. Marquez, laboratorio di eccellenza cui fanno capo i cineasti dell'America Latina sempre piu' visibili all'estero, la cinescuola del Gansu cinese, l'Ucla di Los Angeles, la francese le Fresnoy, Tokyo, e, in Italia, la factory grossetana di Francesco Falaschi e lo Sperimentale di Milano.

I corti selezionati - si va da Bandh di Alfian Ahmad, Singapore, a O muro di Giovanna Calistro, Brasile, a Onde del Laboratorio Filmakers Scuola di Cinema Grosseto e Il proiezionista di Federico Spiazzi e Dario Di Viesto per l'Italia, fino al cinese Dreaming girl di River Huang, girato in digitale da una sonnambula - saranno giudicati da una giuria internazionale composta dall'italiano Valerio Mastandrea, dall'uruguayano Mario Handler e dall'inglese-etiope Theo Eshetu. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog