Cerca

Libri: la Hornby racconta in 'Un filo d'olio' la sua infanzia (2)

Cultura

(Adnkronos) - Le ricette raccolte in 'Un filo d'olio' sono quelle degli anni e delle villeggiature delle due sorelle. E dalle pagine del ricettario familiare, limate dall'uso e dagli aneddoti, riaffiora tutto un mondo perduto di personaggi, di atmosfere e di sensazioni, i molti fantasmi benevoli che affollavano i giorni assolati di due bambine, in una grande casa padronale di meta' Novecento. Tra i sapori e profumi delle ricette di casa Agnello ci sono quelli, mai nostalgici ma sempre intensi e fragranti, del tempo trascorso a cui il talento della scrittrice dona il gusto dell'eterno presente della vita.

L'autrice utilizza un lessico familiare, raccontando le mille storie dei parenti, dei contadini, della servitu' da cui trae le immagini che rendono questo romanzo vivido, con immagini chiare, definite, facili da immaginare. Oltre alle ricette culinarie rese con dettaglio, preparate con la sorella Chiara, che fanno apparire mentre si legge gli odori delle spezie e della campagna siciliana. Sono ventotto, e sono descritte con dovizia di particolari, accompagnando l'estate in cucina nel cambiare di stagione da maggio a settembre. 'Un filo d'olio' e' stato scritto "senza nostalgia ma con amore e gratitudine per mamma e zia Teresa, due sorelle unitissime che mai ebbero il sia pur minimo dissapre", scrive la Hornby.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog