Cerca

Padova: truffe a banche e frodi fiscali, Gdf sgomina banda con 'tesoro' da 22 mln

Cronaca

Padova, 26 mag. - (Adnkronos) - Tra le migliaia di italiani che in queste settimane stanno facendo la fila nelle ricevitorie con la speranza di azzeccare la sestina vincente al Superenalotto, loro, probabilmente, non c'erano. La fortuna personale se l'erano gia' costruita a colpi di truffe alle banche e frodi fiscali, facendola poi sparire nelle banche di San Marino. Un volume d'affari (sporchi) da 22 milioni di euro, portato alla luce dopo lunghe e articolate indagini della Guardia di Finanza di Padova.

Tutto nasce da una verifica fiscale a una ditta operante nell'ingrosso di materiale plastico con sede nella provincia di Padova. Salta fuori un giro di fatture false, omesse dichiarazioni e altre nefandezze contabili da oltre 14 milioni di euro.

Gli accertamenti amministrativi assumono ben presto la natura di investigazione penale e si scopre che le fatture false non servivano solo a frodare l'Erario, ma pure ad ottenere indebiti finanziamenti da 6 agenzie di altrettanti istituti creditizi nazionali. Il meccanismo fraudolento era cosi' congegnato: i due titolari dell'ingrosso di materiale plastico (e da qui il nome dell'operazione, ''Dirty Plastic''), con l'ausilio di 5 complici riuscivano ad ottenere linee di credito dalle banche presentando distinte di ricevute bancarie compilate con dati falsi. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog