Cerca

La caccia alle spoglie di Monna Lisa, aperta la prima tomba a Firenze

Cultura

Firenze, 26 mag. - (Adnkronos) - E' stata aperta la prima tomba terranea nell'ex convento di Sant'Orsola a Firenze. Dallo scavo è emerso quasi subito un teschio. Gli archeologi ritengono che nella sepoltura si trovi uno scheletro quasi integro. Ancora non è possibile accertare il sesso dell'individuo che fu sepolto sotto il pavimento della chiesa.

Solo nel pomeriggio, con l'emersione delle eventuali ossa del bacino, si potrà stabilire se si tratta di una donna o di un uomo. Ma ''dalla lunghezza della tomba - assicura Silvano Vinceti, responsabile del progetto del Comitato Nazionale per la valorizzazione dei Beni Storici, Culturali e Ambientali - si presume che si tratti di una donna e non di un uomo. Tuttavia, per capire se veramente sono i resti mortali di Lisa Gherardini bisognerà aspettare gli esami di laboratorio che potranno dunque fornire la parola definitiva. I resti ossei saranno inviati al Dipartimento della Conservazione dei beni culturali e ambientali dell'Università di Bologna, con sede a Ravenna, con il coordinamento del Professor Giorgio Gruppioni, che ha già seguito tutto il nostro lavoro sul Caravaggio''.

L'apertura della tomba rientra nella ricerca dei resti mortali di Lisa Gherardini, la modella che secondo alcuni sarebbe stata utilizzata da Leonardo da Vinci per il celebre quadro della 'Monna Lisa' del Louvre. La ricerca è condotta dal Comitato nazionale per la valorizzazione dei beni storici, culturali e ambientali con la collaborazione della Provincia di Arezzo. I lavori dello scavo sono coordinati dalla Soprintendenza archeologica della Toscana e si avvalgono della consulenza scientifica di un comitato diretto dal professor Giorgio Gruppioni, antropologo dell'università di Bologna, e da Silvano Vinceti, responsabile della ricerca.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog