Cerca

Immigrati: Pd, radar Gdf su coste sarde rischio per salute e ambiente

Cronaca

Roma, 26 mag. (Adnkronos) - "I radar della Guardia di finanza che dovrebbero essere installati sulle coste sarde, per prevenire e intercettare gli immigrati clandestini, non solo impatterebbero su alcuni siti piu' suggestivi della Sardegna stravolgendone l'ecosistema, ma potrebbero comportare rischi per la salute dei cittadini". E' quanto si afferma nell'interrogazione parlamentare presentata da un gruppo di deputati del Pd, prima firmataria Caterina Pes, e indirizzata ai ministri dell'Interno Roberto Maroni, dell'Economia Giulio Tremonti, della Difesa Ignazio La Russa, dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo.

Gli esponenti del Partito democratico si riferiscono ai siti di capo Sperone (Sant'Antioco), capo Pecora (Fluminimaggiore), punta Foghe (Tresnuraghes) e Argentiera (Sassari). La preoccupazione, spiega la parlamentare Caterina Pes, e' anche dovuta alla "creazione di servitu' militari permanenti e aggiuntive, che in Sardegna andrebbero a sommarsi a quelle gia' esistenti. Chiediamo al governo se siano stati valutati tutti i siti alternativi per l'installazione dei radar, localizzandoli sulle aree militari gia' esistenti piuttosto che continuare a erodere altre fette di territorio per asservirle alla ragion di Stato".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog