Cerca

Crisi economica: E&Y, +3% investimenti esteri in Italia nel 2010 (2)

Economia

(Adnkronos) - I manager di alto livello intervistati da Ernst & Young hanno indicato come citta' europea piu' attrattiva per gli investimenti Londra nel 30% dei casi, Parigi nel 21% e Berlino nel 13%. Milano raccoglie il 5% delle preferenze, al pari di Barcellona, Madrid e Monaco di Baviera. La Lombardia, con 55 progetti di investimento estero diretto nel 2010, si situa al nono posto nella classifica delle regioni e aree metropolitane, registrando pero' un incremento anno su anno del 104%, senza eguali in Europa.

Per quanto riguarda i settori di investimento si registra un raddoppio per l'automotive, la cui quota di posti di lavoro creati e' il 25% sul totale. I progetti nei settori dei servizi alle imprese e del software sono cresciuti del 15% e i posti di lavoro generati del 65%. Nel campo delle rinnovabili si sono registrati 204 nuovi progetti in Europa, con un incremento del 29% rispetto al 2009. Non tutti i settori pero' sono cresciuti: l'alimentare, il farmaceutico, il minerario e le telecomunicazioni, che nel 2009 non avevano sfigurato, nel 2010 sono calati.

La ripresa degli investimenti dagli Stati Uniti ha pesato notevolmente sulla ripresa generale, segnando con 972 il record di progetti. Tra i paesi che sono cresciuti molto, se si guarda agli investimenti intra-europei, figurano il Regno Unito, la Svizzera e l'Olanda. Fuori dall'Europa la crescita maggiore si e' avuta in progetti di investimento dall'India (+32%) e dalla Corea del Sud (+148%). L'Italia come paese investitore e' in controtendenza: 99 progetti, che rappresentano il 3% del totale e denotano un calo dell'8% anno su anno.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog