Cerca

Sostenibilita'/Ambiente: Perugia, Cai adotta parchi dell'Umbria

Economia

Perugia, 26 mag. - (Adnkronos) - Il Club Alpino Italiano dell'Umbria adotta i parchi della propria Regione. In questi ultimi anni, le montagne umbre sono oggetto di interesse crescente da parte di soggetti pubblici e privati. Un interesse che spesso si e' concretizzato nella tracciatura e segnalazione di itinerari di vario genere. Ben presto, pero', in assenza di coordinamento e programmazione unitaria, queste iniziative hanno dato luogo a una vera e propria 'babele 'segnaletica e informativa.

Adesso l'esigenza di razionalizzare la rete sentieristica regionale, di attualizzarne i servizi essenziali e di promuoverla al meglio, ha spinto la Regione Umbria e il Cai locale a sottoscrivere un protocollo d'intesa che affida a quest'ultimo l'incarico di gestire, monitorare e conservare la rete sentieristica dei parchi regionali. Alla firma del documento sono intervenuti l'assessore Fernanda Cecchini e il presidente del gruppo regionale del Cai, Stefano Notari.

I volontari del Club faranno una ricognizione capillare dei sentieri esistenti, verificandone percorribilita', sicurezza e stato della segnaletica. Rimosse le criticita' principali, il protocollo entrera' a regime attraverso l'"adozione" dei parchi regionali da parte delle sezioni territoriali del Cai, che garantiranno la cosiddetta georeferenziazione, il controllo e il monitoraggio permanenti dei vari sentieri. In occasione dell'incontro, Cecchini ha voluto riconoscere la professionalita' e la funzione di presidio territoriale del Cai, mentre Notari ha sottolineato soprattutto il collegamento tra la rete sentieristica e la tutela dell'ambiente montano.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog