Cerca

Toscana: geotermia, Bramerini conferma attenzione Regione

Economia

Firenze, 26 mag. -?(Adnkronos) - La Regione ''monitorizza con attenzione'' l'intero sistema della geotermia in Toscana e ''costantemente verifica'' l'attuazione degli accordi, in particolare per quel che riguarda i ''limiti degli inquinanti''. La priorita' e' ''sempre la tutela ambientale'' e in ogni caso occorrono ''accordi chiari sulla geotermia''. Anche se ''in nessun territorio della Toscana lo sviluppo e' strettamente connesso alla geotermia'' pero' ''in alcuni con essa bisogna fare i conti''. E' quanto ha chiarito dall'assessore all'Ambiente e all'energia della Regione Toscana, Annarita Bramerini, che ha svolto in Commissione Ambiente dell'Assemblea toscana una comunicazione sullo stato di attuazione degli accordi sulla geotermia.

La comunicazione della Bramerini e' stata arricchita dall'audizione dell'Arpat, l'Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana, che e' intervenuta nella commissione presieduta da Vincenzo Ceccarelli (Pd) con dirigenti e funzionari. Nel dibattito e' intervenuta anche Monica Sgherri (capogruppo Fds-Verdi), che ha sottolineato la necessita' delle valutazioni di impatto ambientale.

Nel corso della stessa seduta, la commissione Ambiente ha inoltre dato il via libera a maggioranza, con i voti di Pd, Fds-Verdi e Idv, la contrarieta' del Pdl, al parere secondario sull'atto di indirizzo pluriennale in materia di ricerca e innovazione collegato al Prs, il programma regionale di sviluppo. Il presidente Ceccarelli, dopo un dibattito che ha registrato critiche ed osservazioni di carattere procedurale da parte del Centrodestra, ha chiesto ai colleghi di esprimersi ''nel merito del provvedimento per quanto e' di competenza della nostra commissione''. Lo stesso Ceccarelli, a nome del Centrosinistra, ha quindi annunciato il parere positivo. Paolo Marcheschi (Pdl) si e' invece espresso negativamente evidenziando ''la mancanza di investimenti'' e ''l'assenza di una vera cabina di regia nel governare i rapporti fra i settori della ricerca e dell'innovazione''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog