Cerca

Monna Lisa, nella tomba aperta lo scheletro di una donna adulta

Cultura

Firenze, 26 mag. - (Adnkronos) - C'è uno scheletro, probabilmente di una donna in età adulta, all'interno della tomba che è stata aperta oggi nell'ex convento di Sant'Orsola a Firenze. La scoperta è avvenuta nell'ambito della ricerca dei resti mortali di Lisa Gherardini, la nobildonna morta nel 1542 all'età di 63 anni, che secondo alcuni sarebbe la modella della Monna Lisa (detta anche la Gioconda) dipinta da Leonardo da Vinci e custodita a Louvre.

Lo scheletro è stato ritrovato intero con il cranio intatto, e in connessione, cioè con le ossa disposte regolarmente, all'interno di una sepoltura terranea sotto il pavimento della chiesa del monastero. "Gli elementi finora emersi, a partire dall'analisi del cranio e del bacino, così come sono osservabili, fanno propendere per l'ipotesi di una persona adulta di sesso femminile", ha dichiarato ai giornalisti il professore Giorgio Gruppioni, docente di antropologia all'Università di Bologna, coordinatore scientifico della ricerca dei resti di Monna Lisa per conto del Comitato nazionale per la valorizzazione dei beni storici, culturali e ambientali, presieduto da Silvano Vinceti.

"Il cranio e il bacino -ha spiegato Gruppioni- sono collassati sotto il peso del terreno. Solo l'avanzamento dello scavo, con il recupero totale delle ossa, potrà confermare se si tratta di una donna. Il terreno nasconde ancora parte del cranio e del bacino e quindi quei tratti indicatori che potrebbero essere significativi per confermare la diagnosi indiziaria e preliminare che ci porta a ipotizzare lo scheletro appartenente ad una donna in età adulta".

Il ritrovamento dello scheletro è stato vissuto "con grande emozione" da Silvano Vinceti, responsabile della ricerca dei resti di Monna Lisa e coordinatore per la parte storica dell'esplorazione all'interno del convento di Sant'Orsola.

"Rimaniamo estremamente prudenti ed osserviamo che la semplicità della sepoltura di questo scheletro in una tomba di nuda terra potrebbe corrispondere alle volontà di una suora francescana come lo fu Ludovica, la figlia di Lisa Gherardini, che accolse la madre proprio nel convento di Sant'Orsola, come attestano i documenti storici".

Vinceti ha sottolineato come la scoperta dello scheletro completo sia "significativo", dal momento che finora erano emersi solo reperti ossei frammentari. "La ricerca va avanti e solo con i successivi esami delle ossa potremo dare una risposta precisa alla domanda che queste ossa appartengono a Lisa Gherardini. Bisognerà quindi aspettare gli esami antropometrici, quelli istologici, per determinare con esattezza il sesso, quelli con il carbonio 14, per determinare l'epoca a cui risalgono. E' possibile anche che in seguito si prevedano test genetici per il prelievo del dna".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog