Cerca

Acqua: Comitato No, astensione unica scelta utile per salvare riforma

Economia

Firenze, 27 mag. - (Adnkronos) - "Abbiamo scelto la Toscana per iniziare il nostro viaggio in Italia, attraverso il quale vogliamo informare i cittadini dai rischi che si annidano nella sfida referendaria. Il perche' e' semplice: qui gia' esiste un modello virtuoso di societa' mista pubblico/privata di gestione dei servizi idrici che sta garantendo qualita' gestionale, investimenti ingenti e un'etica imprenditoriale che ha spazzato via le logiche clientelari della casta dell'acqua". Lo ha affermato il Presidente del Comitato Nazionale per il No ai referendum sui servizi pubblici locali e tariffa dell'acqua, l'avvocato Walter Mazzitti, dando il via dalla Toscana al tour elettorale del Comitato del No.

"Il 'Modello Toscana-Arezzo' -ha spiegato- e' un esempio da studiare, la prova che pubblico e privato insieme possono fare bene. In Toscana c'e' la piu' alta percentuale in Italia di investimenti effettuati per ammodernamento della rete, gran parte dei quali derivanti da autofinanziamento dei gestori".

"Questo -ha evidenziato- produce meno utilizzo di fondi pubblici e piu' investimenti dei privati. Andare a votare significa fare un favore alla casta che vuole piu' tasse per spendere in consulenze e assunzioni facili e ai potentati delle acque minerali, che non vogliono che dal rubinetto esca acqua di qualita', che possa fare loro concorrenza". (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog