Cerca

Omicidio Scazzi: Cosima, da mesi ai 'domiciliari' il carcere non cambiera' molto

Cronaca

Roma, 27 mag. - (Adnkronos) - ''Tanto non mi cambiera' molto in carcere, e' da mesi che sono agli arresti domiciliari, non posso nemmeno tenere le tapparelle aperte che subito qualcuno mi fotografa, mi riprende''. Lo dice in un colloquio con 'La Stampa' Cosima Serrano, madre di Sabrina Misseria e zia di Sarah Scazzi, la ragazzina di 15 anni, uccisa il 26 agosto scorso ad Avetrana.

''Io sono sempre stata riservata, non e' vero quello che scrivono che sono fredda - sottolinea - La mia vita e' stata solo lavoro e famiglia, non sono abituata alle chiacchiere. Sono cosi' addolorata che la gente mi giudichi senza conoscermi. Perche' lo fanno? L'altro giorno una giornalista che non ho mai incontrato ha scritto che non provo emozioni per Sarah, che non le ho mai provate. Ma se io l'ho cresciuta quella bambina, la penso ogni giorno. Quando vado al cimitero non ho la forza di entrare, aspetto mia sorella in macchina per il dolore che provo. Ma ormai la gente ha deciso che sono una strega e vogliono bruciarmi, e per dare soddisfazione a tutti quelli che la pensano cosi' adesso mi arrestano''.

''Che dici mi daranno il tempo di mettere le cose nella borsa?'', si chiede Cosima. ''Mi vogliono prendere'', diceva dopo aver letto su un giornale locale la notizia di ordine di custodia cautelare per lei. E' preoccupata per Sabrina, aggiunge ''sara' distrutta quando lo sapra'''. ''Non ho mai pensato di scappare e poi dove potrei andare? - continua - Il mio posto e' qui nella mia casa con la mia famiglia''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog