Cerca

Foggia: Iorio (giovani socialisti), hanno spaventato mia madre ma non mi faccio intimidire

Cronaca

Foggia, 27 mag. (Adnkronos) - ''Abbiamo sentito suonare il citofono. Erano le due di notte. Ha risposto mia madre e ha sentito delle urla: 'C'e' quel fascista di suo figlio?' gridavano, e giu' insulti. Lei si e' spaventata. Poi quando mi hanno sentito alzare la serranda sono scappati. Stamattina poi mi sono accorto che avevano anche fatto una enorme scritta 'Iorio fascista!' e disegnato una falce e martello sul portone della federazione provinciale''. Luigi Iorio, segretario della Federazione dei Giovani socialisti, racconta cosi' all'Adnkronos l'intimidazione subita nella notte ad opera presumibilmente di militanti della sinistra antagonista con lo scopo di impedirgli di partecipare alla presentazione del romanzo di Domenico Di Tullio "Nessun dolore, una storia di CasaPound" (Rizzoli, 2010), che si terra' oggi alle 17.30 alla Biblioteca provinciale di Foggia.

Non e' la prima volta che la presentazione del libro di Di Tullio scatena la reazione di antifascisti militanti e centri sociali. Era accaduto a Bari, ad aprile scorso, e prima ancora - solo per citare gli ultimi episodi - a Palermo, dove, per impedire l'incontro organizzato al Mondadori Multicenter, esponenti dell'area antagonista avevano dato fuoco alla sede locale di Cpi, aggredito militanti, imbrattato con stelle a cinque punte e scritte 'Boicotta Mondadori' la libreria e scatenato scontri con la polizia provocando anche alcuni feriti in una citta' 'blindata' per garantire lo svolgimento di un incontro culturale. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog