Cerca

Sanita': Fimmg, -500 medici famiglia in Lombardia entro il 2016

Cronaca

Milano, 27 mag. - (Adnkronos/Adnkronos Salute) - L'emergenza 'camici bianchi' in Lombardia, particolarmente preoccupante per gli specialisti, non risparmiera' neppure i medici di famiglia. Entro il 2016 quelli attivi in regione saranno circa 500 in meno rispetto ai 7 mila di oggi, che nei loro studi assistono ogni giorno 300-400 mila persone. Questa la previsione diffusa da Fiorenzo Corti, segretario regionale lombardo della Fimmg (Federazione italiana medici di medicina generale), durante un convegno organizzato al San Raffaele di Milano da Fimmg Lombardia in collaborazione con Sifmed e Metis.

'Dagli atti ai fatti: Assistenza primaria e innovazione in Lombardia. Confronto fra gli attori'. Questo il tema dell'incontro che punta in particolare i riflettori sul progetto Creg (Chronic Related Group): un modello innovativo per l'assistenza ai malati cronici attraverso una gestione 'in rete' sostenuta da risorse dedicate (una sorta di 'Drg della cronicita'), previsto dalle 'Regole di sistema 2011' dettate dal Pirellone per declinare operativamente gli indirizzi del Piano socio-sanitario regionale 2010-2015. La sperimentazione sta per partire in 5 Asl e durera' circa un anno. "E' un ulteriore esempio di medicina di iniziativa - sottolinea Corti - per uno stretto contatto con l'Asl in un momento storico in cui si prevede in Lombardia una calo di circa 500 unita' entro il 2016".

Per prepararsi a questa data, Fimmg Lombarda ribadisce "l'impegno nella formazione dei medici delle scuole di medicina generale, che rappresentano il futuro della nostra professione", dice Corti. "Secondo le nostre proiezioni - spiega all'Adnkronos Salute il direttore regionale Sanita' della Lombardia, Carlo Lucchina - il calo dei medici di famiglia non comincera' prima del 2015-2016. E' una questione gia' all'attenzione della Regione - assicura - insieme alla prossima carenza di specialisti, che rappresenta un problema nell'immediato". Secondo Lucchina, pero', arginare la perdita di medici di famiglia sara' piu' semplice: "Confido che riusciremo a farvi fronte - sostiene - grazie alle scuole di formazione che preparano i candidati".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog