Cerca

Libia: 45 missioni aeree italiane nell'ultima settimana

Esteri

Roma, 27 mag. (Adnkronos) - Gli assetti aerei e navali italiani, quattordici velivoli e quattro navi, messi a disposizione della Nato per l'operazione ''Unified Protector'', hanno continuato le missioni assegnate per l'imposizione della No Fly Zone e dell'embargo navale. Nell'ultima settimana sono state effettuate 45 missioni. Ne da' notizia lo stato maggiore della Difesa. Gli assetti aerei impiegati sono stati Tornado, Eurofighter 2000, F16 Falcon, KC 130 J e KC B767 in organico all'Aeronautica Militare, e AV-8B Plus della Marina Militare.

La Fregata Euro sostituisce la Fregata Libeccio e si affianca alla Portaeromobili Giuseppe Garibaldi, alla Nave rifornitrice Etna e al Pattugliatore Comandante Borsini, a disposizione della Nato per il pattugliamento dell'area di competenza ''al fine di garantire il rispetto del mandato ricevuto''.

''Per quanto riguarda l'emergenza immigrazione -conclude lo stato maggiore della Difesa- in applicazione dell'intesa italo-tunisina, Nave San Marco, il Pattugliatore ''Vega'', e un aereo Atlantic continuano la sorveglianza e monitorizzazione in prossimita' delle acque tunisine''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog