Cerca

Rifiuti: Palermo, proclamato stato di agitazione lavoratori Amia

Cronaca

Palermo, 27 mag. - (Adnkronos) - "Abbiamo la certezza che anche oggi il mandato di pagamento del comune di Palermo nei confronti di Amia non e' stato eseguito, e come annunciato ieri, Fit Cisl, Uiltrasporti, Fiadel, Ugl e Fesica-Confsal, proclamano lo stato di agitazione dei lavoratori di Amia''. Ad annunciarlo e' Dionisio Giordano, segretario Fit Cisl Ambiente, che aggiunge: ''Dopo l'assurda vicenda dei nuovi autocompattatori fermi in deposito, avevamo detto di essere stanchi di assistere a comportamenti irresponsabili da parte dei dirigenti dell'amministrazione comunale, considerato che la politica di questa citta' non e' piu' in grado di dare gli imput adeguati alla macchina amministrativa, nostro malgrado evidenziamo con questo atto concreto che qualcuno volutamente intende creare disagi a lavoratori e cittadini".

"Da questo momento ogni ritardo della macchina comunale rispetto alle necessita' dei lavoratori Amia, avra' una immediata risposta - spiega Giordano -. Ci scusiamo con i cittadini ma tolleriamo da troppo tempo questo atteggiamento inadeguato da parte del Comune di Palermo. Apprezziamo - conclude il segretario di Fit Cisl Ambiente - l'impegno profuso stamani dai commissari di Amia che per tentare di accelerare le procedure per il pagamento delle somme attese, hanno consegnato personalmente alla Ragioneria generale del comune, il nulla osta dell'assessorato comunale all'Ambiente che giaceva negli uffici. I commissari da tempo sono impegnati in un azione di risanamento che purtroppo viene ostacolata dalla disattenzione dell'amministrazione comunale''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog