Cerca

Lasciato in auto sotto il sole, muore bimbo. Indagato per omicidio colposo il padre

Cronaca

Perugia, 27 mag. (Adnkronos/Ign) - Un bambino di 11 mesi, Jacopo Riganelli, è morto dopo essere stato lasciato per circa tre ore solo in auto a Passignano sul Trasimeno (Perugia), nei pressi del lago. La tragedia è avvenuta a pochi giorni di distanza dal caso della piccola Elena, deceduta dopo essere stata dimenticata in autodal padre.

Da una prima ricognizione cadaverica è emerso che il piccolo è morto per arresto cardiocircolatorio dovuto alla prolungata esposizione ai raggi solari. Stamattina a Passignano sul Trasimeno la temperatura oscillava tra i 25 e i 30 gradi. Secondo una ricostruzione fornita dai carabinieri con una nota ufficiale, sarebbe stato il padre, Sergio Riganelli, a lasciare il bambino in macchina.

L'uomo, 41 anni, è stato indagato per omicidio colposo . La sua iscrizione nel registro degli indagati è una sorta di atto dovuto. Il padre del bambino non è ancora stato ascoltato dagli inquirenti perché ancora in stato di choc.

Secondo quanto appreso, questa mattina il padre, la madre e il piccolo Jacopo sono usciti insieme da casa. Sembrerebbe che la madre sia stata lasciata sul posto di lavoro, il padre potrebbe aver dimenticato di portare al nido il piccolo, che dormiva in macchina, lasciandolo in auto nel parcheggio del club velico dove lui lavora come custode.

L'uomo ha posteggiato intorno alle 9;30 l'automobile nel parcheggio adiacente in cui poi alle 12;30 ha ritrovato il figlio. Ha immediatamente allertato i soccorsi che si sono però rivelati inutili. Il magistrato di turno, Mario Formisano, ha disposto l'autopsia del piccolo e il sequestro dell'automobile del padre, una Opel Corsa nera.

Subito dopo la tragedia, i genitori del piccolo sono stati soccorsi per un malore e trasportati all'ospedale di Perugia. Nell'obitorio dello stesso ospedale si trova anche il cadavere del piccolo.

Sul luogo della tragedia è arrivato il colonnello Carlo Corbinelli a capo del comando provinciale dei carabinieri di Perugia che ha detto: "Non abbiamo motivi di ritenere che non si tratti di una tragedia. I genitori sono devastati". I carabinieri sentiranno sia il padre sia la madre, una psicologa di origini albanesi, e le prime persone che sono arrivate sul luogo.

Aurelio Forcignanò, il presidente del club velico in cui lavora il padre di Jacopo, si è detto "sconvolto e impotente'' . ''Il bambino era il loro faro", racconta. Sergio Riganelli, dopo aver vissuto all'estero, era tornato in Italia e stava ristrutturando la casa dei genitori. Con la moglie Eva si erano sposati poco più di un anno fa all'isola Maggiore sul lago Trasimeno.

La giunta comunale di Passignano sul Trasimeno ha proclamato il lutto cittadino per il giorno dei funerali di Jacopo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog