Cerca

Milano: Pisapia, saro' autonomo dai partiti e aboliro' liti per poltrone

Politica

Milano, 28 mag. - (Adnkronos) - "Stiamo dimostrando gia' da ora che esiste un modo diverso di fare politica. E io ho dimostrato in molte occasioni di avere mantenuto l'autonomia anche dai partiti, con cui ho lavorato in armonia. Chi non l'avesse capito, o chi non vorra' capirlo in futuro, dovra' mettere in conto di raccogliere il dissenso dei suoi stessi elettori. I primi a non ammettere liti e lotte sarebbero loro, visto che in questi mesi i cittadini hanno dimostrato chiaramente di voler contare". Lo afferma Giuliano Pisapia, candidato del centrosinistra a sindaco di Milano, in un'intervista a 'la Repubblica'.

E sugli avversari l'aspirante primo cittadino del capoluogo lombardo registra "che la differenza tra Pdl e Lega, negli ultimi giorni, e' fortissima: per i primi c'e' solo scontro, per gli altri confronto, sia pur duro. Io guardero' alla validita' delle idee, non alla provenienza".

"Milano puo' ritornare un esempio e un punto di riferimento importante - sottolinea Pisapia - E la vittoria sara' un segnale forte per l'Italia. Questi mesi sono stati un incantesimo. Che, sono certo, non si rompera' a mezzanotte". E se lunedi' non dovesse vincere spiega: "restero' in consiglio comunale. E lavorero' per far crescere una nuova classe dirigente della sinistra, mettendo a frutto l'entusiasmo dei giovani".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog