Cerca

Omicidio Scazzi: gip Taranto, da Sabrina solo acrobatiche ricostruzioni

Cronaca

Taranto, 28 mag. - (Adnkronos) - ''A queste (dichiarazioni di accusa ndr), ed alle molte altre ed eterogenee emergenze istruttorie a suo carico, compiutamente illustrate in quei provvedimenti (1° ordinanza di custodia e due pronunciamenti del Riesame ndr), l'indagata non ha saputo opporre che acrobatiche ricostruzioni su quel che avrebbe fatto nei minuti in cui si consumava il delitto''. Lo scrive il gip del Tribunale di Taranto, Martino Rosati, in un passaggio della nuova ordinanza in cui analizza la posizione di Sabrina Misseri e i gravi indizi a suo carico per il delitto di omicidio della cugina Sarah Scazzi, avvenuto il 26 agosto ad Avetrana.

Si tratta di ''incertezze mai emendate sui suoi spostamenti durante un ampio lasso di tempo del pomeriggio'', di ''plurimi tentativi di depistaggio degli inquirenti, nonche' tutt'ora perduranti reticenze sulla conflittualita' esistente con la cugina e sul proprio travagliato rapporto sentimentale con Ivano Russo, nel quale - come meglio si dira' piu' avanti - va individuata la causa del delitto''.

Poi il gip ricorda le parole del Tribunale del Riesame secondo il quale ''sostenere la tesi difensiva implicherebbe, di fatto, inevitabilmente affermare che (quasi) tutte le persone escusse hanno sempre detto il falso scientemente ad eccezione della Misseri, la quale, elemento da non sottovalutare, ha lei stessa mentito su tutti i profili, anche oggettivamente riscontrati, che riguardano - non a caso - il suo coinvolgimento nell'omicidio''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog