Cerca

Giustizia: Anm, sconcerto per nuovi attacchi premier ma slitta Assemblea generale

Politica

Roma, 28 mag. - (Adnkronos) - Ferma condanna dall'Associazione nazionale magistrati per i nuovi attacchi del presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, ai giudici, attacchi giudicati tanto piu' gravi perche' avvenuti in un contesto internazionale. Ma per ''senso di responsabilita''' il sindacato delle toghe, di cui oggi si e' riunito il Comitato direttivo centrale, sceglie di evitare il rischio di strumentalizzazioni e, alla vigilia del voto amministrativo, si limita a esprimere ''sconcerto'' e ''preoccupazione''.

Ma la questione sara' riaffrontata, insieme con le valutazioni sulle riforme del governo in tema di giustizia, in occasione di una prossima assemblea, che pero slitta e non si terra' piu', come inizialmente annunciato dal presidente Luca Palamara in apertura del Cdc, il prossimo 25 giugno.

Il comitato direttivo centrale, al termine di una lunga riunione, non ha infatti raggiunto un accordo sulle proposte di modifica allo Statuto da portare in assemblea, che riguardano la questione dell'incompatibilita', relativa ai passaggi tra le cariche direttive dell'associazione, e altre in organi istituzionali, come il Csm; e quella delle dell'introduzione di quote di genere, per aumentare la rappresentanza femminile nel parlamentino. La lunga discussione ha allungato i tempi della riunione e alla fine e' mancato il numero legale per la convocazione dell'assemblea. Per farlo si riunira' un nuovo Comitato direttivo centrale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog