Cerca

Agricoltura: export ciliegie, dalla Puglia si punta a Paesi arabi

Economia

Roma, 29 mag. - (Adnkronos) - La Puglia si puo' dire che sia il regno della ciliegia, coprendo l'80% del mercato, soprattutto nella provincia barese sono migliaia i nuclei familiari ai quali la produzione delle ciliegie offre una consistente fonte di reddito.

L'export e' in espansione tanto che l'Ice calcola che il valore dell'export della produzione cerasicola italiana e' passato dai 4 milioni di euro del 2004 fino ai 38 del 2008, con una media che supera i 20 milioni. Si tratta di vendite effettuate soprattutto in Europa (l'80% nei Paesi dell'Unione Europea a 27), i Paesi con la massima quota di mercato sono Germania (42%), Svizzera (14%), Austria (14%), Spagna (11%). Ma ''interessanti le potenzialita', ancora inesplorate, per il nostro export nei Paesi Arabi'' commenta Giuseppe La Macchia, direttore dell'Ice per la Puglia. Di questo tema se ne parlera' il 1 giugno a Conversano, in provincia di Bari, al convegno 'Marchio e Terriorio: sinergia vincente per la ciliegia di Conversano e del Sud-Est barese" promosso dal Comune di Conversano, dall'associazione Sapori in Conversano e dalla provincia di Bari con l'Informatore Agrario.

In base ai dati Ismea del 2009 nei 5 comuni del sud Barese di Conversano, Casa Massima, San Michele, Castellana Grotte e Turi, vi sono 5.000 ettari di ciliegeto, pari a 2.800 produttori e con un giro d'affari di 350 miliardi di euro lordi venduti che corrispondono al 60% della produzione regionale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog