Cerca

Turismo: anche Prince a Umbria Jazz, la Regione punta sui grandi festival (2)

Cultura

(Adnkronos) - Nella prosa, Luca Ronconi presentera' in anteprima mondiale ''La modestia'' di Rafael Spregelburd, una delle figure piu' rilevanti sulla scena argentina contemporanea, mentre in ''Mi chiedete di parlare?'', Monica Guerritore s'ispira alla figura di Oriana Fallaci.

Nel suo spettacolo musicale ''Milano che non c'e' piu''', Adriana Asti diventa guida turistica e sentimentale, fra canzoni e pagine letterarie, di una Milano della memoria. Anouk Aime'e dara' voce alle ''donne di Moravia'', in una performance a cura di Rene' de Ceccatty; Jeanne Moreau, con Ethienne Daho, compositore e cantante, rendera' omaggio all'opera prima letteraria di Jean Genet, ''Le condamne' a' mort''. Il corpo di ballo spagnolo ''Corella Ballet'' (diretto dal grande Angel Corella), che si sta imponendo all'attenzione internazionale come uno dei piu' ''vibranti'', ha scelto il palco di ''Spoleto54'' per il suo debutto italiano.

Sara' la musica, secondo tradizione, a chiudere il Festival con il ''Concerto finale'' in Piazza del Duomo. Dedicato al 150esimo dell'Unita' della Nazione, s'intitola ''Viva l'Italia'' e sara' diretto da James Conlon. E nell'ambito del Festival di Spoleto sara', per la prima volta quest'anno, ospitato uno ''Spazio Umbria'', pensato, a Palazzo Collicola, come un luogo di pubbliche relazioni per le aziende umbre piu' innovative e per le piu' significative produzioni tipiche artigianali ed agroalimentari. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog