Cerca

Caso Ruby: domani processo senza premier, difesa pronta a sollevare eccezioni

Cronaca

Milano, 30 mag. (Adnkronos) - Riprende domani a Milano, dopo la prima udienza del 6 aprile scorso, il processo al presidente del consiglio Silvio Berlusconi, imputato di concussione e prostituzione minorile nella vicenda Ruby. Sara' assente il premier impegnato in un incontro bilaterale a Bucarest. I difensori del premier, Niccolo' Ghedini e Piero Longo, annunciano che avanzeranno una lunga serie di eccezioni preliminari sulle quali decidera' il collegio della quarta sezione penale del Tribunale presieduto da Giulia Turri.

Secondo la difesa di Berlusconi esistono problemi di competenza per cui sara' avanzata la richiesta di trasmettere gli atti al Tribunale dei Ministri perche' il premier avrebbe telefonato in Questura, per chiedere il rilascio della giovane marocchina, nell'esercizio delle sue funzioni. Il premier avrebbe agito, sostengono i legali, per evitare problemi diplomatici con l'Egitto, convinto che la minorenne fosse nipote di Mubarak. Inoltre, quando il funzionario di polizia Pietro Ostuni ha ricevuto la telefonata del premier si trovava nella sua abitazione di Sesto San Giovanni, che fa parte del distretto giudiziario di Monza. Non solo.

La competenza di Monza ci sarebbe anche in relazione all'accusa di prostituzione minorile. Arcore, dove si sarebbero svolti i fatti contestati dal procuratore aggiunto Ilda Boccassini, 'dipende' da Monza. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog