Cerca

Libici: fermati 2 sostenitori Gheddafi a Perugia, volevano impedire espansione Cnt

Cronaca

Perugia, 30 mag. - (Adnkronos) - Due libici sono stati sottoposti a fermo giudiziario dalla procura della Repubblica di Perugia con l'accusa di associazione a delinquere. Il fine di questa associazione, secondo l'accusa, sarebbe stato quello di impedire l'espansione del consiglio nazionale transitorio libico, riconosciuto dall'Italia. Per farlo, sempre secondo l'accusa, i due, insieme ad una decina di indagati, avrebbero dovuto allontanare il rappresentante diplomatico del consiglio nazionale transitorio da Roma.

Le indagine condotte dalla Digos di Perugia e coordinate dal pubblico ministero Giuliano Mignini e dal procuratore Giacomo Fumu, avrebbero evidenziato anche la volonta' del gruppo di condizionare i loro connazionali che vivono a Perugia in favore di Gheddafi.

I due libici, di 21 e 33 anni, che sono considerati a capo di un'associazione, compariranno domani davanti al gip di Perugia per la convalida del fermo. L'indagine e' comunque circondata dal massimo riserbo. Secondo quanto appreso agli indagati vengono contestati a vario titolo i reati di violenza privata, minacce e invasione di edifici, oltre all'associazione a delinquere.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400