Cerca

Napoli: de Magistris, ma quale antipolitica la citta' chiede legalita'

Politica

Roma, 31 mag. - (Adnkronos) - ''Purtroppo non sono piu' un pubblico ministero. Dico purtroppo perche' l'avrei voluto fare per tutta la vita, ma mi e' stato impedito. Napoli non ha scelto un ex pm, ha scelto un politico a tutto tondo. Magistrati dentro si e' sempre ma Napoli non e' forcaiola e giustizialista. Napoli vuole giustizia sociale e legalita'. Una legalita' seria, una legalita' nei diritti non nelle manette facili''. Lo dice in un'intervista a 'Il Messaggero' il neosindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

''E' accaduto - aggiunge - che e' nato un nuovo modo di fare politica che va oltre Berlusconi e oltre i partiti''. ''Credo molto nel messaggio che unisce Napoli a Milano'', sottolinea. ''Il mio non e' un voto di protesta - continua - non e' antipolitica. I napoletani hanno dimostrato cuore e cervello''.

''La presenza di Di Pietro e' fisiologica - prosegue - Tonino fa bene ad essere contento, perche' questa e' una vittoria anche dell'Idv. Come fanno bene il Pd e la Sel a festeggiare, visto che mi hanno sostenuto dopo il primo turno. Ma io non sono il sindaco dell'Idv e non lo saro'. Sono il sindaco della citta', tant'e' che rinuncero' alla tessera e a ogni incarico di partito. La mia amministrazione non dara' conto a nessuno, se non ai cittadini''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog