Cerca

Milano: Landi, Pdl ha ignorato cultura laica liberale e riformista della citta'

Politica

Milano, 31 mag. - (Adnkronos) - ''Ad essersi schierata con Giuliano Pisapia e' stata anche l'area liberale, riformista, legalitaria della citta', sistematicamente ignorata dal Pdl per troppo tempo''. Cosi' Giampaolo Landi di Chiavenna, assessore uscente della Giunta Moratti commenta la vittoria del centro-sinistra milanese.

Per Landi ''il riformismo culturale e' nel dna di Milano; un riformismo che non demonizza il riconoscimento giuridico delle coppie di fatto; che accetta il diritto a professare la propria confessione religiosa in una logica di vera, reale, sicura coesione sociale; che parla apertamente di educazione sessuale consapevole; che declina le regole della legalita', di una sana e reale meritocrazia, della trasparenza nel pubblico e nel privato, in modo rigoroso e onesto".

''Di questo riformismo e' ormai privo questo centro-destra, affollato di nani e ballerine, soubrette e piccoli reazionari, cattolici oltranzisti e opportunisti dell'ultima ora. Riparto da questa sconfitta in compagnia di molti amici, che condividono con me una idea del fare politica impegnato e responsabile. Voglio dare forza alla voce liberale di Milano riportando il riformismo legalitario in cima alle preoccupazioni politiche del Pdl. Spero che Albertini, di cui tutti conosciamo le qualita' personali e le doti- conclude Landi- possa essere un punto di riferimento di questa nuova stagione, con un ruolo di vertice nella dirigenza del Pdl''.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog