Cerca

Fisco: Cnf, dilazioni debito senza garanzie per eliminare disparita' tra contribuenti

Altro

Roma, 30 mag. - (Adnkronos) - Riscossione meno vessatoria con dilazioni di debito piu' eque. Lo chiede il Consiglio nazionale forense che, nella seduta amministrativa del 27 maggio, ha approvato un documento, proposto dalla commissione tributaria coordinata da Antonio Damascelli, che e' stato inviato al ministero dell'Economia e all'Agenzia delle entrate. Nello specifico, la richiesta e' quella di eliminare l'obbligo di garanzia (fideiussione bancaria o polizza assicurativa) che il contribuente deve offrire all'Amministrazione finanziaria nel chiedere la dilazione di pagamento di un debito conseguente alla conclusione di accordo consensuale come adesione e conciliazione giudiziale. Questo con l'obiettivo di equiparare il trattamento a quello conseguente alla dilazione di pagamento derivante da ruolo (cartella esattoriale).

In quest'ultimo caso, le norme (dpr 602/73) non solo prevedono una ampia rateizzazione (72 rate mensili) ma non richiedono alcuna garanzia qualunque sia l'ammontare del debito. Non cosi', ''irragionevolmente'' sottolinea il documento del Cnf, per i debiti da adesione o conciliazione, per i quali le norme (decreto legislativo 218/97 e decreto legislativo 546/92) consentono una rateizzazione di durata inferiore e, soprattutto, impongono una garanzia con fideiussione bancaria o polizza assicurava per i debiti superiori a 50mila euro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog