Cerca

Toscana: governo territorio, iniziativa popolare per modificare legge regionale

Politica

Firenze, 31 mag. - (Adnkronos) - I principi fondanti l'urbanistica e del governo del territorio al centro della proposta di legge di inziativa popolare presentata in commissione Ambiente e territorio del Consiglio regionale della Toscana, presieduta Vincenzo Ceccarelli (Pd), e corredata da settemila firme. Una proposta avanzata dalle associazioni nazionali Italia Nostra e Forum Ambientalista insieme a comitati di cittadini sorti spontaneamente, sollecitati dal fatto che i primi cinque anni di attuazione della legge che regola il governo del territorio, ''forse anche alla luce di una errata interpretazione del principio di sussidiarieta' stabilito dalla riforma del Titolo V'', non ha impedito ''gravi ferite al territorio toscano''.

Nella proposta di legge, si evidenzia la necessita' di ''riportare sul terreno della politica la questione urbanistica'' come ha detto Marco Bencivenni del comitato promotore. ''Nessuno vuole ristabilire una gerarchia di enti in palese contrasto con il Titolo V. Tuttavia esistono gerarchie di interessi statutari che occorre rispettare''. Per Bencivenni, in buona sostanza, le modifiche intendono trovare una ''coerenza degli atti oggi molto confusa. I piani comunali devono essere conformi con quelli regionali e non svincolati per cui alla fine tutto e' possibile''.

Una analisi condivisa anche dal prof. Mario Marchetta dell'Universita' di Firenze che ha stigmatizzato una ''discrepanza tra piani strutturali e urbanistici'' dovuta a ''definizioni vaghe tra la pianificazione cosiddetta sovraordinata (regionale e provinciale), quella comunale e la successiva attuazione''. ''Il meccanismo decisionale non e' chiaro mentre agli istituti speciali come le conferenze dei servizi e di pianificazione e' demandato il compito di scelte fondamentali''. (segue)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog